La cultura sostenibile

Straordinarietà nella vita quotidiana

30/12/2021

Nell’articolo precedente ho scritto che sto imparando la calligrafia giapponese. E da quando ho cominciato a impararla spesso rifletto su quest’arte. Ho letto anche un libro sulla calligrafia cinese.
Intanto vorrei sottolineare che la parola “calligrafia” non è la traduzione appropriata di Shodô, o Sho (“via della scrittura” o semplicemente “la scrittura”), le parole giapponesi che indicano questa arte e sono state sempre tradotte nelle lingue occidentali con “calligrafia giapponese”.
Come ho scritto un paio di mesi fa su un post di FaceBook, “Il fine ultimo della calligrafia è arrivare alla perfezione del tratto”. Ma Shodô non ha lo scopo di insegnare a scrivere "bene", di raggiungere la perfezione: è più libero, dà più importanza alla mente di chi scrive.
In Giappone spesso si trovano mostre dello Sho di uno o più artisti sia giapponesi che cinesi, sia moderni che antichi. Quando guardiamo le opere di qualche artista non guardiamo quanto sono belle o precise. Guardiamo lo stile: più forte o più sottile, più lineare o meno; guardiamo anche le sfumature dell’inchiostro e lo sfondo, a volte anche la carta. Ammiriamo l’opera in tutto il suo insieme, anche immaginando la persona, la sua mente, i suoi sentimenti mentre scriveva.
Per questo Shodô richiede concentrazione, ma non richiede un’attenzione per scrivere “bene” come qualcosa di ufficiale o formale. Anche quando scrivi una lettera a un’amico: scegli la carta, il pennello e le parole pensando a lui — questo è già “Shodô”.

“Scrivere” è un’azione che tutti fanno tutti i giorni. L’arte nella quotidianità. Forse è simile a Sadô (via del tè) che è l’arte nel bere il tè. Entrambe queste azioni di vita quotidiana si sono integrate con cose uniche nel mondo ma che vivono sempre nella vita quotidiana.

 

In primo piano
Categorie
Archivio
© 2021-2022 - Inizio della pagina